Parma

Amo tanto la mia città, anche se non sempre andiamo d’accordo. A volte la odio, perché è piccola e provinciale, me la prendo con lei perché l’accuso di avermi tarpato le ali, oppure mi arrabbio quando la vedo cambiare troppo. Ma la verità è che è talmente bella per me, che non riesco a odiarla veramente. Amo guardare dalla finestra i colori del cielo che sfumano sul campanile del Duomo, passeggiare per i borghi del centro, osservare case e palazzi e sorprendermi ancora, certe volte, davanti a scorci che non conosco. Il lungoparma è commovente, soprattutto in primavera, soprattutto in estate, soprattutto in autunno e soprattutto in inverno. Ad ogni stagione mi meraviglia. Avevo la fortuna di lavorare proprio davanti a una finestra enorme sul lungoparma. E quei tramonti, violenti, cangianti, a volte esagerati, non si dimenticano. Lo cammino, da un ponte all’altro, guardo il greto del torrente che cambia sfumature, mi incanto a scrutare le casette affacciate sull’acqua, mi immagino le vite lì dentro. Vite di zanzare (presumo) e suoni bagnati. Via Mazzini, che coi suoi negozi e portici la ritrovo più o meno in tutte le città. A volte cammino, cammino, non lo so nemmeno io dove voglio andare, ma per pensare o per sgranchirmi, o con qualche acquisto inutile o caffè come pretesto, semplicemente, cammino. Tutte le città sono belle da camminare, ma la mia, è la mia. Ed ogni scusa è buona per scoprirne degli aspetti che, inspiegabilmente, mi stupiscono ancora. Dipende da come la guardo, dipende se apro bene gli occhi, se mi predispongo a una specie di ingenuità senza preconcetti; non proprio come se fossi un turista, ma quasi. Parma è anche noiosa certe volte, è viziata e ripetitiva. Ha quei luoghi deputati ad abitudini precise, che conosco a memoria e che comunque osservo sorridendo. A volte, anzi, spesso, li assecondo ed è rilassante semplicemente stare, accettare, fare la parmigiana senza criticare me e gli altri per questa monotonia che in fondo, in realtà, è una culla, un rassicurante modo di vivere piccolo. Dove si pedala, si saluta questo e quello per strada, si spettegola in piedi davanti a un bicchiere di vino in via Farini. È il vivere piccolo, lo chiamo così. Il mio, per lo meno, tascabile, quello a cui sono abituata e con cui litigo ostinatamente ma verso cui altrettanto ostinatamente ritorno. Fatto di castagne che cadono sullo Stradone e di ciliegi (ciliegi? Non lo so, a me li sembrano da sempre) incredibilmente rosa in via Cima Palone – la rima non era voluta, però a volte Parma è anche una poesia – che ritmicamente si alternano e aspetto quei momenti dell’anno che durano pochi giorni per ritornare bambina in quei posti che sono sicurezze inscalfibili. C’era un gatto bianco affacciato a una finestra in un borgo, che si lasciava accarezzare. C’era un cane che abbaiava a tutti, insieme a un altro cane che invece si faceva coccolare da tutti. La chiromante, che se la incrociavi non dovevi pensare a niente e a nessuno, l’orafo che da decenni se ne sta sorridente ad accogliere i clienti davanti al negozio, qualche matto che colora le strade con stranezze che conosci poi un po’ a memoria. Borghi così piccoli che non finiscono da nessuna parte e altri che sono impregnati di storie vecchissime, più o meno dimenticate. La porta passante, la dogana, le lotte e gli ideali. Io per tutto questo non potrò mai odiarla davvero, anche se cambia e mi sembra in peggio, anche se non vorrei vederla diversa, perché non credo che cambierà mai davvero, conserverà sempre – spero e credo e mi immagino -la sua aria da nobile un po’ ammaccata e impolverata, di giovinezza perduta ma ancora abbagliante, di rincorsa perenne che non prevede mai un volo. La vedo così, e ogni volta che apro le finestre e dai borghi sale la musica e invade lo spazio, allora ecco, mi sento in un film e mi passa la rabbia, mi passa tutto, resta la tenerezza e il bene che voglio a queste piccole, noiose, scontate abitudini di provincia.

You May Also Like

Carte per giocare con le emozioni

FAST FASHION VS SECOND HAND

Illustrazioni arrabbiate

COME PASSARE DUE GIORNI FAVOLOSI IN VAL D’ORCIA

2 thoughts on “Parma”

  1. Sono una parmigiana che vive a Reggio Emilia per amore e lavora a Bologna per necessità e caso. Leggendoti mi sono ricordata che meraviglia il centro di Parma il sabato mattina e le colazioni da Ori, la focaccia del panificio Rosetta e le biciclette parcheggiate ovunque. Sarà casa. Sempre

Comments are closed.