Nuotare nell’aria

Mai mai mai accontentarsi di una sola meraviglia.

Non mi sono dimenticata di scrivere, ero solo troppo assorta tra splendori montani. Avevo bisogno di refrigerio, di cielo più vicino, di silenzio e cellulare senza rete. Ecco, ho avuto tutto. Anche il piumone sul letto. Scappare dai 40 gradi e percepirne 15 è un trionfo, così come è una gioia solenne rendersi conto che a così poca distanza da casa ci si può perdere tra incanti silenziosi. Il mio rifugio solitario sono stati gli Appennini Parmensi. Ma se ci si vuole perdere vale tutto, ognuno ha i propri panorami del cuore.

You May Also Like

Il cibo parmigiano e che cosa ho imparato scrivendone

Scintille, il nostro book club a Parma

Storie di Amarone della Valpolicella: dieci anni di Famiglie Storiche

Psicoterapia e cassette degli attrezzi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *