Monday Mix #7 Christmas Edition: che cosa regalo quest’anno

Non volevo pubblicare una lista di regali, ma poi niente, ho ceduto, è più forte di me. Non riesco a esimermi dal consigliare doni e pensierini, mi piace troppo, però ecco, quest’anno provo a stare sul semplice e sul profondo. Come è già successo l’anno scorso, ecco un elenco di regali papabili e (spero) originali, perchè siamo tutti un po’ frustrati in questo periodo, col cervello in fumo che facciamo esplodere le sinapsi e i portafogli. Allora eccomi qui.
Vi dirò però una cosa molto vera: che non c’è regalo migliore del tempo. L’oggetto è simpatico e fa allegria, ma poi resta lì a prendere polvere e perdere valore, il tempo, invece, ci rimane appiccicato al cuore. Quindi il mio consiglio è: meno regali, più parole ed esperienze insieme da ricordare.

Ma veniamo al dunque:

  • Chi non è amante della cancelleria non è mio amico, quindi potete saltare questa riga oppure correre sul sito di kikki.k e strapparvi tutti i capelli. Posto che è tutto fantastico, restiamo per lo meno sull’utilità: le agende sono meravigliose, ancora più belli i filofax, per non parlare dei calendari. Io sceglierei uno di questi oggetti, un modo bellissimo per ricordare che il tempo è importante e prezioso.
  • I libri della School of Life sono diventati la mia ossessione. Sono manuali che aiutano a riflettere sulle cose importanti e quotidiane. Devo dire che sono anche molto belli esteticamente, collezionarli è un piacere anche per gli occhi. Ma, attenzione, se non vi va di fare troppo i profondi, potete sempre “ripiegare” sui giochi di carte: mazzi di carte graficamente impeccabili pieni di messaggi utili per chi ha perso la rotta  e magari non lo sa. Uno tra tutti particolarmente rappresentativo e attuale: What should I do with my life? Gioca e scoprilo, ne riparliamo nel 2018.
  • L’anno scorso vi consigliavo di adottare alberi a distanza, quest’anno esagero: regalate un piccolo elefantino, o un orsetto bianco, o un bel cucciolo di tigre (ma anche lupi, pantere, oranghi, tucani,…). Con Wwf si può, facendo una donazione aiuterete a proteggere questi animali dal bracconaggio e dall’estinzione, il vostro amico a cui avrete dedicato questo pensiero speciale riceverà un kit (peluche o digitale, lo decidete voi a seconda del budget) e sarete complici di un generoso gesto di cura verso il pianeta. Poi, dai, chi è che non sogna da sempre di adottare un piccolo orso? (Photo by Casey Allen on Unsplash)
  • Dicevo che regalare un’esperienza è il pensiero migliore, ma qui si va oltre: con Italian Stories si fa un viaggio nelle realtà artigianali italiane, con tanto di workshop. Perfetto per gli amici viaggiatori curiosi con cui intraprendere un’esperienza lenta, tutta fatta a mano. Si può imparare a realizzare una pipa, osservare l’arte di un liutaio, rilegare un diario, provare a fare burro e formaggio in una malga. Sul sito ce ne sono moltissime, per tutti i gusti, le passioni e i panorami. (Photo by Alexander Maasch on Unsplash)
  • Se avete un amico che ancora non è abbondato a Netflix, dategli una mano, iniziatelo a una vita di asocialità e pigiami. Vi ringrazierà.
  • Per me il 2017 è stato un anno di grandi cambiamenti positivi e di grande aiuto è stato un incontro all’Accademia della Felicità a Milano. Sul loro sito trovate una pagina piena zeppa di workshop, giornate ed eventi che sviscerano vari temi, tutti girano attorno alla felicità e alla realizzazione personale. Un bell’augurio, oltre che un bel regalo. (Photo by Cathryn Lavery on Unsplash)
  • Chissà com’era il cielo la notte che siete nati, o che vi siete sposati, o che avete cambiato vita e città. Con The night Sky potete risalire alla mappa del cielo di quella vostra data speciale, stamparla, incorniciarla e regalarla. Diciamo che è un’evoluzione bella e molto personale del Ti regalo una stella. Questi poster per me sono proprio fighi.
  • Per gli amanti delle liste: su Oliver Bonas trovate un bellissimo album dove compilare ben 52 liste della felicità, una per ogni settimana dell’anno, con tanti temi diversi.
  • Sempre su Oliver Bonas: un diario tutto rosa per monitorare i propri obiettivi e progressi per l’anno nuovo.
  • Al grido di: w il fatto a mano, vi consiglio di curiosare sul profilo instagram di Fiorelisa, che dalle sponde del lago di Como confeziona oggetti di mirabile bellezza e semplicità. Un motivo in più per amarla: ha un gatto rosso deliziosamente fotogenico. (foto: Fiorelisavarenna)
  • Non vado via senza aver consigliato almeno un libro. La scelta è sempre ardua, ma per non allontanarmi troppo dal mood britannico che ha caratterizzato diversi spunti di questa lista, per rimanere assolutamente in un caloroso spirito natalizio e per incoraggiare la piccola editoria, ecco che vi suggersico le riedizioni degli adorabili libri di Beatrix Potter, edite dalla Nuova Editrice Berti. Delle chicche vere e proprie che ci riportano con dolcezza  e nostalgia all’infanzia e all’Inghilterra dei primi del ‘900.
  • Concludo con un altro libro e un altro incoraggiamento: Show your work di Austin Kleon, perché basta essere timidi, dai. Roar.

Photo by rawpixel.com on Unsplash

You May Also Like

cosa leggere estate 2019

Cinque libri da leggere quest’estate

tramonto Es Vedrà

Vi racconto i miei quattro giorni a Ibiza (parte due)

Il cibo parmigiano e che cosa ho imparato scrivendone

Scintille, il nostro book club a Parma